The Human Marketing2018-11-26T19:42:04+00:00

Il progetto The Human Marketing era nato qualche anno fa con un intento ben preciso: fare chiarezza in un mondo – quello del marketing – spesso utilizzato per plasmare i comportamenti dei consumatori in modo non propriamente corretto, se non completamente sbagliato.

L’input era venuto durante un seminario, durante il quale dissi ai presenti: “voi non immaginate neanche quante cose sbagliate si fanno in nome del marketing e del profitto, quanti diritti vengono calpestati e quante persone ingannate; purtroppo non c’è nessuno che dica queste cose”.

Uno dei partecipanti mi invitò a farlo e così il progetto vide la luce.

A mano a mano che le settimane passavano maturavo la convinzione che fosse estremamente importante informare in merito a situazioni aziendali poco chiare e, allo stesso tempo, dare testimonianza ad attitudini e pratiche virtuose.

Mi piacevano quelle aziende che preferivano rispettare le persone, l’ambiente, il luogo in cui operavano, i reali bisogni dei clienti/consumatori senza trascurare – ovviamente – le aspettative dei titolari e degli azionisti.

Tutto ciò significava non più solamente l’esasperata ricerca del profitto, il condizionamento del mercato, la creazione di bisogni non necessari solo con lo scopo di vendere di più.

Al contrario una nuova e più evoluta relazione azienda-cliente: il valore da suddividere a beneficio delle parti coinvolte.

Credevo che ci fosse un percorso da camminare insieme, aziende e clienti/consumatori, fatto di trasparenza, correttezza e valori condivisi.

Questa avrebbe dovuto essere la strada di The Human Marketing per una evoluzione reale e globale del modo di fare impresa.
Ma come spesso accade per idee troppo idealistiche…ho finito con il ritrovarmi a crederci da solo.
Forse non erano i tempi giusti, forse il messaggio era sbagliato, però a fronte di tanti apprezzamenti non ho trovato nessuno che si volesse impegnare concretamente con me.
Qualche amica e qualche amico hanno dato una mano nel loro tempo perso, e li ringrazio ancora oggi.
A parte loro, il deserto…

Però non è detto che non abbia una seconda vita, prima o poi.

Time to detox

Greenpeace, su una passerella virtuale, fa' sfilare i marchi della moda valutandone l'impegno nell'eliminare dalle proprie filiere produttive, sostanze tossiche e inquinanti. Protagoniste della sfilata Detox di quest’anno 16 aziende della moda [...]

La carta del futuro

Non si abbattono alberi...si "schiacciano" bottiglie! Un gruppo di imprenditori messicani ha sviluppato un sistema che, sfruttando l'energia solare, trasforma bottiglie di plastica in carta "minerale", impermeabile e biodegradabile. Le bottiglie di [...]

Il profumo del tè

Nel Nord dell'India si trova la regione del Darjeeling terra dei più pregiati tè indiani. Qui, ai piedi dell’Himalaya, Ambootia Tea Group gestisce una tenuta che coltiva tè in modo socialmente responsabile [...]

Rain for sale

A Llorò piove per la maggior parte dell'anno. Llorò è una delle città più povere della Colombia settentrionale e non possiede risorse economiche per costruire impianti che rendano l'acqua potabile. Coca Cola, [...]

Schiavitù globale

300 dollari. Questo il prezzo dei pescatori schiavi, uomini migrati in Thailandia con la promessa di un lavoro. Si ritrovano invece imabarcati su pescherecci che catturano il pesce destinato all'allevamento dei gamberetti [...]

Fabbriche etiche

Durante i sedici anni di attività del mio studio di ricerca e design industriale sono entrato in contatto con un gran numero di aziende, lavoratori impegnati nelle linee di produzione e articoli manufatti. [...]

Questo sito utilizza cookie di terze parti per fornire servizi in linea con le tue preferenze. Cliccando su 'Ok' o proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy. Ok