Il libro infetto

L’AIDS continua a colpire, anzi la sua diffusione aumenta rispetto a dieci anni fa, però non fa più notizia.

Per riportare l’attenzione su questa malattia la rivista Vangardist ha deciso una forte provocazione: l’ultimo numero è stato stampato con sangue infetto di tre malati di HIV.

Ovviamente la percentuale di sangue è molto bassa rispetto alle parti di inchiosto (1 su 28 è il rapporto) e non sussiste pericolo nello sfogliarla.

Il numero speciale è stato stampato in 3.000 copie ed è in edicola in questi giorni.